Le pile stilo at zerocalcare.it arkansas gas and oil commission

#######

Zero, io ti stimo come artista, ma fondamentalmente quello che fai è narrare sempre e comunque storie patetiche di vite patetiche di persone patetiche. Qui ti osannano come un genio dell’arte electricity vampires – e indubitabilmente sei dannatamente dotato – ma a me dai l’impressione di non fare altro se non legittimare comportamenti patetici da perdenti. E’ come se Shakespeare avesse scritto sempre e solo commedie su come lui e la sua famiglia pisciassero su un catino per non uscire di casa d’inverno, o Kafka avesse raccontato sempre e solo di come amasse nascondere il moccio sotto la sua sedia durante le ore di lavoro, facendolo sembrare per di più ironico e intelligente, mentre invece è solo un comportamento riprovevole.

Tutti noi abbiamo prima o poi tolto le pile da una parte per metterle da un’altra, ma non vedo come questo sia così esilarante e come il descriverlo possa sembrare un atto di grande saggezza. A me invece pare soltanto talento – e vite – sprecate. Non vorrei dire un’ovvietà ma me ne sento costretto: ci sono persone senza j gastroenterol gambe che vincono partite di basket, persone paralizzate che dipingono con la bocca, e voi qui a ridere, a darvi pacche sulle spalle e a sentirvi tutti fighi e tutti fratelli perchè non avete voglia di alzarvi dal divano per andare a comprare un paio di pile?

Zero, te lo ripeto: sei bravo e mi fai ridere molto, ma più ti leggo più mi sento a disagio. Così come mi mette a disagio questa rampante orda di nerd che sembra riversarsi su ogni cosa. Essere nerd non è fico, passare le giornate attaccati alla tv a guardare telefilm non è eroico, è solo patologico. Se un tempo mi ritenevo un nerd e ne ero quasi orgoglioso, ormai qusto stile di (non) vita mi sembra solo da condannare. Un saluto.

c.f ha ragione per tre quarti, ma dimentica che zerocalcare scrive per vendere, e non si pone il fine di cambiare in meglio il mondo; è anche consapevole che i lettori potenzialmente suoi sono sì intelligenti, ma non così tanto da avere la necessità di storie che rovistino sui piani alti dell’essere. D’altro canto zerocalcare non ha in alcun conto il vecchio modo di fare fumetti, quello alla comandante Mark per intenderci, e ha visto gas oil ratio che il suo essersene distaccato raccontando delle faccenducce quotidiane, in chiave satirica, rende le persone contente. È comprensibile, e occasionalmente persino encomiabile, che electricity for refrigeration heating and air conditioning 9th edition answers zerocalcare non voglia, almeno per ora, guardare dentro alle mutande giallastre di chi è disposto a comprare il frutto delle sue fatiche. Arriverà il momento in cui il nostro dotato autore si stancherà di parlare simpaticamente di una realtà contorsionista, e valicherà il confine angusto che la caratterizza per fiondarsi sui piani a quella successivi, dove sono messe in discussione le credenze, le opinioni, le odiose tolleranze che occupano le seggiole ambulatoriali della consapevolezza quasi umana che domina il nostro pianeta. Forse sta aspettando, per fare il gran salto, che alla Ferrari si rifiutino di vendergli l’auto…

non modero niente, figurati, solo che siccome sto pochissimo a roma e li posso approvare solo dal computer di casa e non online electricity bill payment quando sto in giro, li faccio passare il blocco quando torno a casa. non ho fatto passare due commenti in un anno di blog, entrambi di nazisti, quindi figurati se non faccio passare le critiche… per il resto io qui pubblico le cose sostanzialmente come mi vengono, anche a costo di non limarle perfezionarle e trovare sempre la cosa piu divertente del mondo, qui vorrei fare delle cose di getto, mentre quel lavoro di ricerca mi piacerebbe farlo sui libri. che non significa che i libri (in particolare quelli gia usciti) so meglio eh:) significa che man mano che capisco come sta evolvendo questa roba, compresa la mia vita, capisco che la direzione che vorrei prendere è piu o meno questa. poi uno spera sempre che le robe che fa piacciano, di sicuro le critiche le tengo un sacco in considerazione (ma un sacco eh, roba che mi imparanoio e mi ci scervello) dopodiché se non è così amen:)

Personalmente, considero artisti come ZC e Makkox una delle scoperte piú interessanti di quest’ anno, non li osanno come geni, ma grazie a loro mi sono riavvicinato al mondo del fumetto. Sebbene siano artisti diversi che la gastronomia trattano temi diversi ed in modo diverso, quello che mi colpisce di entrambi e la capacità di mettere a nudo, in modo più o meno esplicito, difetti e tendenze negative di vari personaggi con la consapevolezza apriori di quanto essi siano autodistruttivi. Per empatia, molti ci si riconoscono con varie sfumature, altri no ma credo che riescano comunque a farsi una risata. Non trovo le vigne di ZC come una banale esaltazione di comportamenti negativi, mi sembra anzi superficiale tale affermazione visto che, come altri hanno detto, molta letteratura sarebbe da cestinare (eg tanti scrittori americani del electricity transmission efficiency secolo scorso). Non credo che ZC sia alla frutta, perche’ piu’ di tutto ha capacita narrativa, e’ anzi notevole come su scene di vita corte e di poco conto riesca a narrare per diverse strisce. Alcuni ci vedono limiti in questo, io personalmente ci vedo tanto talento e spero proprio che continui a pubblicare cosi di getto tutto quello che fa, che prima di tutto e’ un regalo a chi lo vuole seguire. Grazie ZC.