M1 abrams – wikipedia national gas average 2012

L’ M1 Abrams è un carro armato da combattimento americano di terza generazione intitolato al generale Creighton Abrams. Altamente mobile, progettato per la moderna guerra corazzata, l’M1 è ben armato e pesantemente blindato. Tra le caratteristiche degne di nota figurano l’uso di un potente motore a turbina multifuel, l’adozione di sofisticate armature composite e lo stoccaggio separato delle munizioni in uno scompartimento per la sicurezza dell’equipaggio. Con un peso di quasi 68 tonnellate, è uno dei più pesanti carri armati in servizio.

L’M1 Abrams è entrato in servizio degli Stati Uniti nel 1980, sostituendo infine il carro M60. L’M1 è il principale carro armato dell’ esercito degli Stati Uniti e del Corpo dei Marines, ed è anche usato dagli eserciti di Egitto, Kuwait, Arabia Saudita, Australia e Iraq.

Sono state utilizzate tre versioni principali dell’M1 Abrams, l’M1, M1A1 e M1A2, che incorporano armamento, protezione ed elettronica migliorati. Questi miglioramenti e altri aggiornamenti ai carri in servizio hanno permesso a questo veicolo di rimanere in servizio, per molto tempo, in prima linea. Inoltre, lo sviluppo della versione migliorata M1A3 è stato divulgato per la prima volta nel 2009. Sono stati apportati numerosi miglioramenti all’ultima versione M1A2 SEPv3.

Il primo tentativo di sostituire il carro M60, introdotto nel 1960, fu il MBT-70, sviluppato in collaborazione con la Germania occidentale negli anni ’60. Il progetto del MBT-70, che raggiunse la prontezza dei test nel 1968, aveva caratteristiche avanzate come sospensioni pneumatiche regolabili in altezza e un telaio a profilo molto basso con il driver situato nella torretta. Alla fine il MBT-70 si rivelò troppo pesante, complesso e costoso. A seguito dell’imminente fallimento di questo progetto, l’esercito statunitense ha introdotto l’XM803, utilizzando alcune tecnologie del MBT-70, ma rimuovendo alcune delle caratteristiche più problematiche. Questo è riuscito solo a produrre un sistema costoso con funzionalità simili all’M60.

Il Congresso annullò il MBT-70 a Novembre e il XM803 a dicembre del 1971 e ridistribuì i fondi al nuovo XM815, in seguito ribattezzato XM1 Abrams. I prototipi sono stati consegnati nel 1976 da Chrysler Defense e General Motors armati con la versione del cannone Royal Ordnance L7 da 105 mm e un prototipo Leopard 2 "2K" per il confronto. Il design della Chrysler Defense a turbina è stato selezionato per lo sviluppo come M1; Chrysler ha avuto un’esperienza significativa nella progettazione di veicoli terrestri a turbina risalenti agli anni ’50. Nel febbraio 1982, la divisione General Dynamics Land Systems (GDLS) acquistò la Chrysler Defense, dopo che Chrysler costruì oltre 1.000 M1.

Un totale di 3.273 carri armati M1 Abrams sono stati prodotti durante il 1979-85 e sono entrati per la prima volta in servizio nell’esercito degli Stati Uniti nel 1980. La produzione presso l’impianto di carri armati dell’esercito di proprietà governativa di GDLS a Lima, nell’Ohio, è stata affiancata da veicoli costruiti all’Arsenale di Detroit Tank Plant a Warren, Michigan dal 1982 al 1996. L’M1 era equipaggiato con licenza del cannone Royal Ordnance L7 da 105 mm. Il carro armato aveva la prima armatura di Chobham. L’M1 Abrams fu il primo ad usare questa armatura avanzata. Consisteva in una disposizione di piastre metalliche, blocchi di ceramica e spazio aperto. Un modello migliorato chiamato M1IP fu prodotto brevemente nel 1984 e conteneva piccoli aggiornamenti. I modelli M1IP sono stati utilizzati nel concorso Canadian Army Trophy NATO Tank Gunnery nel 1985 e nel 1987.

Questo era il cannone originario dell’Abrams e sparava una gran varietà di proiettili, come i proiettili HEAT, i sabot, ad alto potenziale, al fosforo bianco e altri colpi anti-uomo. L’M68A1 era una versione sotto licenza dell’L7 britannico. Nonostante fosse un cannone largamente utilizzato dalle forze NATO, ci voleva un cannone con una gittata utile di più di 3 km, per contrastare le nuove corazzature sovietiche. Così si preferì aumentare il calibro dell’arma e passare al M256. [2] Cannone M256 a canna liscia

Questo cannone è l’armamento principale dell’M1A1 e dell’M1A2. L’M256A1 è una variante del Rheinmetall L/44 da 120 mm, in dotazione al Leopard 2. Il munizionamento principale per quest’arma è costituito dai proiettili APFSDS M829A2, sviluppati per combattere i T-55 e i T-54 sovietici, che possono penetrare 670 mm d’acciaio inclinato di 60° a 2000 m, e i proiettili M830 a carica cava. Di recente è stato sviluppato anche il proiettile M1028 antiuomo, che una volta sparato rilascia le sue 1098 sfere d’acciaio con un raggio letale di 600 m.