Radio (elemento chimico) – wikipedia electricity symbols and meanings

############

• Usato in passato nelle vernici luminescenti per quadranti e lancette di orologi, sveglie e strumentazione varia. Oltre 100 ex-pittori di lancette di orologi, che usavano le loro labbra per fare la punta al pennello, morirono per k gas station jobs le radiazioni: famose sono le ragazze del radio, le addette di una società degli anni venti chiamata US Radium Corporation, che dipingevano i numeri dei quadranti su orologi militari con vernice al radio. Poco dopo gli effetti nocivi delle radiazioni iniziarono ad essere pubblicizzati. Il radio venne usato nei quadranti delle sveglie fino agli anni cinquanta. Gli oggetti verniciati con vernice al radio possono essere pericolosi ancora oggi e devono essere maneggiati con la dovuta cautela. Dal 1969 per le vernici luminescenti è stato usato il trizio al posto del radio, ma solo fino agli anni novanta. Dagli anni 2000 si usano altre sostanze non radioattive quali Luminova e Superluminova o radioattive, ma inoffensive poiché racchiuse in mini-capsule stagne.

Il radio, dal latino radius raggio, fu scoperto da Marie Curie e da suo marito Pierre nel 1898 nella pechblenda/ uraninite della Boemia settentrionale. Studiando la pechblenda i Curie ne rimossero l’ uranio e scoprirono che il materiale restante era ancora radioattivo. Quindi separarono da questo una miscela che consisteva per lo più di bario, che alla fiamma dava un brillante colore rosso e delle linee spettrali che non erano mai state descritte prima. Nel 1902 il radio fu isolato puro, nella sua forma metallica, da Curie e Andre Debierne attraverso l’ elettrolisi di una soluzione pura di cloruro di radio electricity 4th grade worksheet con un catodo di mercurio e distillazione in atmosfera di idrogeno. Il 20 aprile di quell’anno venne comunicato l’avvenuto isolamento dell’elemento.

Durante gli anni trenta si scoprì che i lavoratori esposti al radio nelle fabbriche che usavano vernice luminescente si ammalavano gravemente, per lo più di anemia e cancro alle ossa: in seguito a queste evidenze cliniche l’uso del radio declinò rapidamente. Il radio infatti viene trattato dall’organismo come il calcio, e depositato nel tessuto osseo, dove la radioattività ne degrada il midollo e può indurre mutazioni nelle cellule ossee. L’aver maneggiato radio per anni è ritenuta la causa della prematura morte di Marie Curie.

Il radio è un prodotto di decadimento dell’uranio ed è perciò reperibile in tutti i minerali che ne contengono. Originariamente veniva estratto dalla pechblenda di Jáchymov (Joachimsthal) in Boemia (7 tonnellate di pechblenda forniscono 1 grammo di radio). Una certa quantità di questo elemento si trova anche nelle sabbie di Carnotite in Colorado, ma minerali più ricchi di radio si trovano nella Repubblica Democratica del Congo, nella regione dei Grandi Laghi del Canada. Si può ottenere il radio anche dal trattamento dei rifiuti dell’uranio. Grandi giacimenti di uranio sono situati in Ontario, Nuovo Messico, Utah, Australia e altri paesi.

I composti del radio impartiscono alla fiamma del becco di Bunsen un tipico colore rosso cremisi (rosso con una lieve sfumatura violetta), dovuta al suo tipico spettro di emissione elettromagnetica. Data la breve emivita degli isotopi del radio, i suoi electricity 80s song composti sono piuttosto rari e si trovano quasi esclusivamente nei minerali dell’uranio.

• Usato in passato nelle vernici luminescenti per quadranti e lancette di orologi, sveglie e strumentazione varia. Oltre 100 ex-pittori di lancette di orologi, che usavano le loro labbra per fare la punta al pennello, morirono per le radiazioni: famose sono le ragazze del radio, le addette di una società degli anni venti chiamata US Radium Corporation, che dipingevano i numeri dei quadranti su orologi militari con vernice al radio. Poco dopo gli effetti nocivi delle radiazioni iniziarono ad essere pubblicizzati. Il radio venne usato nei quadranti delle sveglie fino agli anni cinquanta. Gli oggetti verniciati con vernice al radio possono essere pericolosi ancora oggi e devono essere maneggiati con la dovuta cautela. Dal 1969 per le vernici luminescenti è stato usato il trizio al posto del radio, ma solo fino agli anni novanta. Dagli anni 2000 si usano altre sostanze non radioattive quali Luminova e Superluminova o radioattive, ma inoffensive gas after eating poiché racchiuse in mini-capsule stagne.

Il radio, dal latino radius raggio, fu scoperto da Marie Curie e da suo marito Pierre nel 1898 nella pechblenda/ uraninite della Boemia settentrionale. Studiando la pechblenda i Curie ne rimossero l’ uranio e scoprirono che il materiale restante era ancora radioattivo. Quindi separarono da questo una miscela che consisteva per lo più di bario, che alla fiamma dava un brillante colore rosso e delle linee spettrali che non erano mai state descritte prima. Nel 1902 il radio fu isolato puro, nella sua forma metallica, da Curie e Andre Debierne attraverso l’ elettrolisi di una soluzione pura di cloruro di radio con un catodo di mercurio e distillazione in atmosfera di idrogeno. Il 20 aprile di quell’anno venne comunicato l’avvenuto isolamento dell’elemento.

Durante gli anni trenta si scoprì che i lavoratori esposti al radio nelle fabbriche che usavano vernice luminescente si ammalavano gravemente, per 4 gas planets lo più di anemia e cancro alle ossa: in seguito a queste evidenze cliniche l’uso del radio declinò rapidamente. Il radio infatti viene trattato dall’organismo come il calcio, e depositato nel tessuto osseo, dove la radioattività ne degrada il midollo e può indurre mutazioni nelle cellule ossee. L’aver maneggiato radio per anni è ritenuta la causa della prematura morte di Marie Curie.

Il radio è un prodotto di decadimento dell’uranio ed è perciò reperibile in tutti i minerali che ne contengono. Originariamente veniva estratto dalla pechblenda di Jáchymov (Joachimsthal) in Boemia (7 tonnellate di pechblenda forniscono 1 grammo di radio). Una certa quantità di questo elemento si trova gas leak anche nelle sabbie di Carnotite in Colorado, ma minerali più ricchi di radio si trovano nella Repubblica Democratica del Congo, nella regione dei Grandi Laghi del Canada. Si può ottenere il radio anche dal trattamento dei rifiuti dell’uranio. Grandi giacimenti di uranio sono situati in Ontario, Nuovo Messico, Utah, Australia e altri paesi.

I composti del radio impartiscono alla fiamma del becco di Bunsen un tipico colore rosso cremisi (rosso con una lieve sfumatura violetta), dovuta al suo tipico spettro di emissione elettromagnetica. Data la breve emivita degli isotopi del radio, i suoi composti sono piuttosto rari e si trovano quasi esclusivamente nei minerali dell’uranio.